DANZA CLASSICA: quando si possono indossare le punte?

indossare-punte-danza-classica

DANZA CLASSICA: quando si possono indossare le punte?

DANZA CLASSICA: quando si possono indossare le punte?

C’è un tempo giusto per tutto nella vita, anche per indossare le punte. Spesso nell’ambito della danza ci si chiede se esista un momento giusto per iniziare ad indossare le punte… una bella domanda a cui oggi proviamo a dare una risposta.
Gli esperti affermano che sia necessario innanzitutto conoscere le tappe dello sviluppo di un piede, la sua biomeccanica.
Il piede infatti ha una struttura anatomica molto complessa, costituita da 26 ossa e 29 articolazioni.

Oltre ad essere l’organo di senso e di moto il piede, nella danza classica, è anche strumento di espressione e gestualità.
Nulla è, infatti, lasciato al caso, ogni piccolo movimento del piede è in realtà un gesto esteticamente ricercato e studiato.
L’utilizzo della scarpa da punta fu introdotto nel 1700 proprio al fine di migliorare l’aspetto estetico del piede e per enfatizzare questi movimenti, impercettibili all’occhio inesperto.
Nel corso del tempo ovviamente la scarpa si è molto evoluta, permettendo un miglioramento delle prestazioni delle ballerine.


Quando dunque si può iniziare ad indossare le punte?

• Gli esperti affermano che sicuramente le punte non sono adatte sotto i 10 anni di età, poiché il piede non è ancora maturo ed è maggiormente suscettibile ad eventuali danni. L’età giusta per iniziare è, indicativamente, tra i 10 e i 12 anni.

• Le punte si possono indossare solo se la ballerina ha un tronco stabile e forte, e se è in grado di controllare e mantenere il corretto aplomb a livello dell’arto inferiore. 
L’aplomb è il corretto bilanciamento e controllo del peso del corpo rispetto a un “asse immaginario” che attraversa il corpo dalla testa al piede di sostegno.

• Prima di poter indossare le punte, la ballerina deve saper eseguire correttamente i fondamentali tecnici in mezza punta, possedendo quindi un buon en dehors (atteggiamento di base della danza classica, che permette di eseguire le 5 posizioni base dei piedi, sempre posizionati lateralmente e non in avanti).


Naturalmente l’insegnante deve avere una conoscenza anatomica completa, in modo tale da non causare danni articolari al livello del rachide, del bacino e degli arti inferiori.


Consigli utili:

E’ importante scegliere la punta della misura giusta e proteggere bene i piedi nella scarpetta con idonei puntali e cerotti per evitare lesioni.
Importantissimi sono un corretto lavaggio e una buona cura di unghie e lesioni da sfregamento.
La ballerina deve infine esercitarsi molto per avere maggiore confidenza con le punte e soprattutto è importante prepararsi bene, sia da un punto di vista tecnico che muscolare.


Fonte: EXPRESSION dance magazine